Vivere in città

 La città

       Il Mio nome è………………………, sono di ………………… Ora abito in Italia, a ………, in Via ………………, al numero …………………………………….. , al…………………..piano.

            Vivo in un appartamento di quattro stanze con un altro ragazzo francese. Lui impara l’italiano per divertimento, io invece per i miei studi di giurisprudenza all’università e per lavorare nella ditta della mia famiglia.

             Spesso, il pomeriggio finisco i compiti e poi passeggio per il centro. La città è piena di vicoli, strade affollate, lun­ghi viali alberati, piazze e ogni giorno scopro luoghi nuovi in differenti quartieri.

             Guardo le vetrine con oggetti di ogni tipo e qualche vol­ta noleggio una bicicletta per conoscere anche la periferia. La parte antica e monumentale è diversa da quella residen­ziale e moderna.

           ln centro i marciapiedi sono stretti, i palazzi alti e le vie buie e fresche; è vietato andare in automobile, ma il servi­zio degli autobus è abbastanza buono e le fermate sono fre­quenti. Qui troviamo gli edifici di interesse pubblico: la posta, le banche, le assicurazioni, il municipio, i teatri, le chiese antiche, i cinema di prima visione.

           ln periferia c’è molto traffico e le macchine frenano solo davanti alle strisce pedonali ed ai semafori rossi. I parchi ed i giardini pubblici sono numerosi, con panchine per gli anzia­ni, fontane e giochi per i bambini. I negozi vendono soprat­tutto alimentari e articoli necessari alla vita delle famiglie, perciò è possibile trovare supermercati e botteghe di vario tipo: latterie, macellerie, ortolani, panifici ed anche cartole­rie, edicole e farmacie.

           Un po’ fuori delle città costruiscono cimiteri e ospedali con ampi parcheggi per i visitatori.

 Vocabolario

Il municipio………………………………… il parcheggio/il posteggio ………….

la questura………………………………….. il posteggiatore………………………..

il commissariato………………………….. la fermata dell’autobus…………….

la polizia…………………………………….. la piazza …………………………………

la chiesa…………………………………….. la strada …………………………………

l’ ospedale………………………………….. il viale…………………………………….

la scuola…………………………………….. il bivio …………………………………….

la caserma………………………………….. l’incrocio………………………………….

il convento…………………………………. la curva…………………………………..

la stazione………………………………….. la salita…………………………………..

la biblioteca………………………………… la discesa ………………………………..

il museo……………………………………… il passaggio pedonale……………….

il cinema…………………………………….. le strisce …………………………………

il teatro………………………………………. il passaggio a livello…………………

la discoteca………………………………… la galleria ……………………………….

la posta………………………………………. il marciapiede………………………….

la banca……………………………………… il sottopassaggio………………………

l’universita…………………………………..il traffico…………………………………

l’agenzia di viaggi……………………….. l’ingorgo …………………………………

il giardino pubblico……………………… la superstrada …………………………

l’aiuola……………………………………….. l’autostrada …………………………….

il parco………………………………………. l’ingresso…………………………………

il cimi tero………………………………….. l’uscita …………………………………..

il casello …………………………………….   l’aereo…………………………………….

il pedone …………………………………….  la patente…………………………………

l’automobilista 0…………………………….l’assicurazione ………………………….

il vigile…………………………………………il libretto di circolazione …………..

il poliziotto ………………………………….privato …………………………………….

il carabiniere. ……………………………….largo ……………………………………….

la poli zia stradale ……………………….. stretto ………………………………………

la multa……………………………………….pericoloso o……………………………….

il segnale stradale ………………………….ghiacciato………………………………….

senso unico ………………………………….deserto …………………………………….

senso vietato ……………………………….. affollato …………………………………..

divieto di sosta………………………………interrotto …………………………………

la rimozione …………………………………bagnato . …………………………………..

il cassonetto …………………………………attraversare ………………………………

la nettezza urbana………………………….sbagliare strada ………………………….

l’automobile …………………………………a diritto…………………………………….

il camion ………………………………………a sinistra…………………………………..

l’autobus ……………………………………. a destra……………………………………..

la motocicletta ……………………………..girare………………………………………..

il motorino……………………………………curvare…………………………………….

la bicicletta ………………………………….svoltare. ……………………………………

il taxi …………………………………………..percorrere………………………………..

l’ambulanza…………………………………..domandare………………………………….

il treno…………………………………………l’informazioneo. …………………………

Proposte di conversazione

1) Di quali nazionalità sono gli studenti?

2) Descrizione delle rispettive città con monumenti, chiese, musei, teatri  e curiosità varie.

3) Dove abitano in Italia?

4) Cosa vedono dalle finestre della loro abitazione in Italia?

5) E’ preferibile la vita in città 0 in campagna?

 

Gioco

Scarto sillabico iniziale (esempio: servizio – – servizio) delle

seguenti parole:

. traffico, frenano, pedoni, parchi, panchine, fontane, impara,

vetrine, oggetti, noleggio, studente, vino, convento.

Modi di dire

. Essere un pericolo pubblico = persona molto pericolosa (an­che per scherzo).

. Rompere i ponti con una persona = non avere piu rapporti

con una persona

. Fare un cimitero = fare una strage.

. Essere un cimitero = compito, esercizio pieno di errori.

. Essere un ospedale ambulante = avere molte malattie (an­che per scherzo).

Proverbio

Le acque chete rovinano i ponti.

  1. montassar ayachi
    14 ottobre 2009 alle 21:36

    la vita di città accogliente

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: